I nuovi camini, oltre ad essere utili per scaldarci nelle serate invernali, sono esteticamente belli e rappresentano un elemento di design che dà un tocco di classe alle nostre case.

 

Alla fine del 2016 sono state rinnovate, per altri cinque anni, le detrazioni fiscali del 65% per la riqualificazione degli edifici, e del 50% in caso di ristrutturazione di un edificio.

Installare, nella propria abitazione, una stufa in stile moderno oppure un camino di design, che abbia un basso impatto ambientale, è un ottimo modo per risparmiare sulla propria bolletta, oltre che per dare una mano all’ambiente.

Come orientarsi nella scelta?

In termini di alimentazione possiamo scegliere tra due alternative:

 

  • La prima opzione è il camino a gas (GPL o metano); questa soluzione è la migliore in quanto consente di ottenere la massima efficienza energetica e non pone alcun problema in termini di stoccaggio del combustibile o di pulizia.
  • Una possibile alternativa è il pellet; questo combustibile permette una certa facilità di stivaggio dei cilindri di legno. Le stufe ed i camini, che sono alimentati con questo combustibile, raggiungono in tempi brevi la temperatura desiderata, hanno un alto rendimento ed è possibile controllarli a distanza.

 

Nel riscaldamento moderno, c’è l’esigenza di combinare tra loro elementi quali il design e la funzionalità degli apparecchi.

Ad esempio si può rinnovare un vecchio caminetto installando, nei focolari aperti già esistenti, degli inserti moderni, trasformando così il camino in una macchina capace di generare calore.

 

Tra i materiali da rivestimento, la maiolica, è la protagonista assoluta.

La maiolica è l’elemento che si combina al meglio con l’arredamento, in quanto è caratterizzata da pattern multicolori ed si può personalizzare per adattarsi al meglio alle esigenze dei committenti.

La maiolica tuttavia non è solamente un elemento decorativo, infatti ha la capacità di sfruttare la sua massa per accumulare calore, il calore viene trasmesso al rivestimento, il quale, lo trasmette all’ambiente circostante, per irraggiamento, anche molte ore dopo che la stufa è stata spenta.

Un altro elemento di design è il fuoco panoramico, questo non è una novità ma ora è molto più diffuso ed accessibile.

Generalmente le stufe vengono posizionate nel mezzo della stanza ed i fuochi si possono ruotare come si desidera.

È di moda installare queste stufe in cucina oppure nella living room, mentre invece nelle camere da letto o in bagno è consigliato installare solamente dei prodotti ermetici che prelevano l’aria dall’esterno.

L’ultima valutazione che faremo è sulla performance. Esistono diverse tecnologie che sono a servizio dell’ambiente. Tra queste ne possiamo individuare due:

 

  • Il sistema di accumulo HSS, che è stato messo a punto per i modelli più evoluti di stufe a legna. Questo sistema continua ad irraggiare calore anche dopo lo spegnimento della stufa.
  • Il sistema BCS, che è stato messo a punto per le stufe ermetiche; questo sistema consente di regolare la fiamma grazie ad un telecomando.

Le stufe ermetiche sono particolarmente adatte nelle nuove abitazioni in quanto non prelevano l’aria di combustione dall’interno, ma lo fanno dall’esterno della abitazione ed in questo modo evitano di sottrarre l’ossigeno dalle stanze nelle quali sono installate.

 

Categories: Rifugi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *