Appena al di sopra della piana di Avezzano si staglia il gruppo del Velino. Insolita, la montagna che si vede da Roma. Assolutamente spoglia, brulla, accompagnata solo dal Monte Cafornia e dal Monte Sevice, con cui fa tripla cima.

Un gruppo montuoso interessante e solitario; è facile trovarsi a camminare sul gruppo del Velino in piena estate senza incontrare nessuno per un’intera giornata, se ci si muove nei giorni feriali. La montagna sembra molto più semplice del “vicino” Corno Grande, ma è comunque interessante e nel canale centrale fra Velino e Cafornia nasconde anche qualche via impegnativa.

Un sentiero entusiasmante è quello detto “del Canalino”, sulla spalla SSE. Segnalato dal CAI come sentiero 6, il sentiero del Canalino sale da Massa d’Albe alla vetta del Velino velocemente, lungo pendenze costanti e sempre impegnative, senza però difficoltà tecniche. L’unico passaggio “tecnico” è costituito dal canalino, una sorta di camino molto stretto con passaggi di I grado, in cui è utile aiutarsi con le mani; il sentiero non è comunque mai esposto e pericoloso.

La salita risulta comunque molto impegnativa e faticosa e richiede circa 5 ore da tempo CAI; in un primo tratto sale con pendenze leggere su strade sterrate e monotone, fino ad arrivare al fontanile di Fonte Canale e poi allo sbocco del canalone centrale fra Cafornia e Velino, a 1500mslm.

Da lì il sentiero inizia a impennare in mezzo a pendii erbosi e rocciosi, sempre scoperti e molto caldi (meglio affrontarlo al mattino presto), fino ad arrivare a una sorta di grottina a fianco della quale si sale lungo una placca molto appoggiata. Poco dopo ci si addentra nel canalino, interessantissimo anche d’inverno, quando la neve permette di affacciarsi senza troppi problemi sugli strapiombi antistanti (lato dx del canalino).

Proseguendo lungo il canalino si arriva in cresta, che si prosegue fino alla croce di vetta, da cui è visibile un panorama fantastico sui circhi glaciali del gruppo montuoso e che spesso si estende fino al Corno Grande e al mare.

La discesa più veloce è dal sentiero 5, che sembra il più naturale a partire dalla vetta verso Massa d’Albe.

Categories: Abruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *