Per tutti gli appassionati di montagna, di trekking, di passeggiate immerse nel verde alla ricerca della serenità, allontanandosi, almeno nei week-end, dalla frenesia e lo stress della città, non può non venire in mente la parola Abruzzo.

L’Abruzzo, oltre ad ospitare alcuni dei più importanti parchi d’Italia, possiede la percentuale di superficie protetta più alta in tutta Italia (pari al 36%).

Parchi ed aree verdi, in Abruzzo, sono infatti il principale motivo di turismo della regione.

Tra tutti, il Parco Nazionale d’Abruzzo, il Parco Nazionale del Gran Sasso ed il Parco nazionale della Majella sono i tre parchi più famosi ed estesi della regione e, non a caso, quelli che attirano più visitatori.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, istituito nel 1923, è uno dei parchi più antichi d’Italia e copre una superficie tale da estendersi su 25 comuni, dalla provincia di Frosinone a L’Aquila. All’interno di questo parco, si stagliano catene montuose appartenenti ai Monti Marsicani, dorsali fondamentali dell’Appennino Abruzzese.

Risultano quindi imperdibili, qui, tutte le passeggiate e le panoramiche che queste montagne offrono.

Il Parco Nazionale del Gran Sasso ed il Parco Nazionale della Majella, invece, vennero entrambi istituiti nel 1991.

Il Parco del Gran Sasso, con una superficie di 141.341 ettari, si estende su un territorio prevalentemente montuoso che comprende il Gran Sasso d’Italia e la catena dei Monti della Laga.

La caratteristica di questo parco oltre la varietà di paesaggi e flora che si possono incontrare è sicuramente data dalla presenza della specie protetta del camoscio.

Infine, il Parco della Majella, uno dei 24 parchi italiani e l’unico fra questi tre, ad estendersi in maniera compatta su un unico territorio. I suoi ettari, si estendono infatti solo all’interno della regione dell’Abruzzo, tra le provincie di L’Aquila, Pescara e Chieti.

Che sia quindi una passeggiata immersi nel verde, trekking o sci, la regione dell’Abruzzo offre una varietà immensa di opportunità adatte a tutti i gusti e necessità.

Ne è un esempio lampante la l’Ippovia del Gran Sasso, un itinerario con scopo esclusivamente escursionistico che si può attraversare a piedi, a cavallo o, per i più sportivi, anche in Mountain Bike.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *